Una conca prativa sede di un antico lago e cascatelle degne di una giungla esotica, in una breve passeggiata alle spalle di Genova.

Partenza da Cartagenova

Partiamo da Cartagenova.

Dal piazzale capolinea del bus, prendiamo a destra la salitina tra le case.

Giriamo a sinistra, passiamo sotto un archetto e procediamo su una bella mulattiera in leggera discesa. Sopra le nostre teste, viti rigogliose si sporgono dal muro verso il panorama sui forti che si apre a sinistra.

Tralasciata Via alle tre Coste, proseguiamo tra gli ulivi ed entriamo nella boscaglia, in un sentierino invaso dalla vegetazione.

Nel bosco

Attraversato un rio su una vecchia frana (cascatella), risaliamo sfiorando un bell’uliveto, e dando un ultimo sguardo ai forti.

Presto raggiungiamo una casa colonica. Ad un bivio nei pressi, prendiamo a sinistra, seguendo le indicazioni “Cascate del Geirato, Prati Casalini”.

Superiamo una casa abbandonata (Villa Carrara), poi un rudere.

Diamo un’occhiata sulla sinistra alla briglia in pietre che supera il torrente Geirato, e proseguiamo.

Poco dopo, a mezzora dalla partenza, sbuchiamo su un pratone circondato da alte creste boscose.

Prato Casarile

È Prato Casarile (o Prati Casalini), una distesa erbosa di 45.000 mq.

Curiosità: in tempi remoti una frana ostruì l’alveo del torrente formando un lago. Col tempo questo fu colmato dai detriti. Oggi il torrente scompare infiltrandosi sotto i detriti, per riapparire a valle dell’antica frana.

In caso di piogge abbondanti, dicono che Prato Casarile riprenda per qualche ora l’aspetto dell’antico lago. Suggestivo uno specchio d’acqua nella conca, commenta Riccardo pensoso.

Ma la conca ora è asciutta e deserta. Unico indizio di presenza umana: un pallone mezzo sgonfio. Perfetto per contrastare una foto tutta verde.

Attraversiamo il prato in diagonale, costeggiando l’isola di vegetazione centrale, e prendiamo un sentiero che entra nel bosco.

Le cascate del torrente Geirato

Arriviamo così al letto sassoso del torrente Geirato. Calpestiamo i detriti trasportati a valle dai versanti franosi. D’altra parte, Geirato vuol dire “ghiaioso”

Lo risaliamo per alcuni minuti. Un pezzo noiosetto da percorrere, però con un premio alla fine!

Una bella cascata a più salti scende da una balza rocciosa. Un’enorme radice molto decorativa e i gradoni di pietra le conferiscono un’aria esotica.

Esaltata, scatto una serie di foto che si riveleranno tutte uguali!

Potremmo essere ovunque nel mondo… dico io.

Invece siamo a un passo da Molassana… dice lui.

…..

Passeggiata facile e breve, percorso su sassi nel finale. Scarpe da trekking leggero

Vai all’inizio passeggiata (Google maps)

Coordinate: 44.4656166,8.9920967

Cartina

Vai alla mappa di tutti gli itinerari


2 commenti

Betty · 12 Luglio 2020 alle 12:03

Siamo al laghetto, è un posto meraviglioso. Grazie infinite per la segnalazione :-*

    renata · 12 Luglio 2020 alle 12:39

    Ottimo, sono contenta! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *